Rodi: le spiagge e la stupefacente città medievale

Difficile, anche nella vastità dell’offerta rappresentata dai tanti arcipelaghi di Grecia, pensare ad un’isola in grado di soddisfare i gusti più diversi di vacanzieri e viaggiatori in maniera più completa e diversificata di Rodi. Meta di chi cerca divertimento, di visitatori a caccia di relax sulla spiaggia e di interminabili giornate di sole e mare, di chi preferisce farsi sorprendere da bellezze naturali e dalle testimonianze di un passato glorioso nei secoli. Rodi non lascia nessuno a bocca asciutta.

La più grande delle isole del Dodecaneso, a soli 18 km. dalle coste della Turchia, Rodi è un’isola di grandi dimensioni e di grande generosità. Ricca di fonti e di corsi d’acqua, non soffre della siccità che caratterizza alcune delle isole del sud dell’Egeo. Separata in due nel versante occidentale ed orientale dalla catena montuosa che l’attraversa da nord a sud, regala vallate fertili e scenografiche, che ne inframmezzano l’entroterra, patria storica dei cervi, animali simbolo della vitalità e della bellezza dell’isola.

Rodi, spiaggia di PrassonissiRodi, spiaggia di Prassonissi – foto di dancing_triss

Da non perdere la Valle delle Farfalle, nella parte settentrionale dell’isola, una delle più famose zone verdi di Rodi. Protetta da un parco naturale, offre da giugno a settembre lo spettacolo delle migliaia di farfalle che ne abitano i boschi, in un habitat protetto e da rispettare come deve essere per uno dei più rari biotipi d’Europa. Passeggiate e sentieri tra le cascate ed i ruscelli della valle, ci guidano in luoghi ricercati da chi sfugge alla calura, come le farfalle attratte dall’umidità e dalla mitezza delle temperature.

Le spiagge

Non manca invece il sole sulle spiagge delle coste di Rodi, isola dai due volti per quanto riguarda i suoi litorali. ll vento caratterizza la costa ovest, prediletta dai surfer, mentre il versante orientale, protetto dalle pendici dei monti, propone un clima ed un mare decisamente meno movimentato. Rodi è comunque ricca di bellissime spiagge lungo tutto il corso delle sue coste.

Al di là delle molte spiagge piuttosto famose e segnalate da tutte le guide, come Faliraki e Kallithea oggi divenute massicciamente turistiche, moltissime calette appartate e tranquille attendono i più curiosi. Tutta l’isola merita di essere girata e scoperta, magari noleggiando uno scooter. Non vi accontentate di una sola spiaggia: luoghi incantevoli come Prassonissi, o la splendida Ladikò, sono appena al di là di sentieri tra le scogliere o lungo i pendii delle coste. Il mare di Rodi è meraviglioso. Acque cristalline che godono in molti punti del riconoscimento europeo della Bandiera Blu.

La città medievale

Rodi, città medievaleE’ invece l’Unesco a sancire il valore storico e la bellezza della città vecchia di Rodi, ovvero il centro storico del capoluogo dell’isola, circondato dalle mura medievali costruite dai cavalieri che dominarono l’isola per secoli. Porto tra i principali del Mediterraneo per oltre 2400 anni, luogo di incontro di culture e popolazione diversissime che si sono susseguite nel corso dei secoli Rodi è oggi una città storica splendidamente conservata. Moltissimi i monumenti risalenti alle diverse fasi storiche, che fanno capo anche alle popolazioni che l’hanno abitata ed occupata, tra cui il famoso basamento in bronzo dei due Cervi, nel porto di Mandraki, che la tradizione riconosce come il luogo in cui un tempo sorgeva il Colosso, una delle sette meraviglie dell’antichità.

Sulla vetta del Monte Smith, alle spalle del porto, sorgeva un tempo l’Acropoli, un tempo meravigliosa, oggi ridotta purtroppo a pochi ruderi saccheggiati. Tracce importanti anche della vicina cultura islamica, con il Bazaar Turco e la Moschea Rosa di Solimano il Magnifico, risalente al sedicesimo secolo e ricostruita nel milleottocento, con l’imponente cupola. Ma le vie della città raccontano soprattutto la storia dei Cavalieri di San Giovanni, o Ospitalieri, che hanno costruito gran parte della città consegnandola ai posteri nel suo aspetto attuale, ed hanno dominato l’isola per oltre duecento anni, sino alla fine del medioevo. Da non perdere soprattutto il quattrocentesco Palazzo del Gran Maestro, luogo del potere dell’Ordine e rifugio per la popolazione durante gli attacchi continui dei pirati dell’Egeo.

Come arrivare a Rodi. All’aeroporto di Diagoras atterrano voli low cost e charter dalle principali città europee, tra cui Roma e Milano. Con Aegean Airlines è possibile raggiungere l’isola facendo scalo ad Atene facendo scalo ad Atene. In estate voli anche con Easyjet. I traghetti di Blue Star Ferries collegano la capitale greca con Rodi, che è raggiungibile anche da Bodrum in Turchia grazie a Bodrum Express Lines, dai porti delle Cicladi, e dalle altre isole del Dodecaneso, a cui è collegata tramite servizi interni quotidiani.

Dove dormire a Rodi. Nel cuore della città vecchia, l’Avalon Boutique Suits è uno degli alberghi più lussuosi e storici dell’isola. Moltissime le pensioni un po’ per tutte le tasche. Ideale per famiglie, l’Agla Hotel è tanto vicino al mare quanto prossimo al centro.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *